“Hai ristabilito il Collegamento?”

 

Ti interessa l’argomento? Ho pubblicato un libro che tratta in modo accurato ed approfondito la storia del Reiki: maggiori informazioni cliccando qui!

Reiki è un termine giapponese: mi sembra quindi appropriato, per introdurre l’argomento, guardare all’etimologia dei due kanji che lo compongono (vedi immagine qui a fianco).
霊 Rei, il primo kanji, si riferisce a qualcosa di etereo, trascendente e sacro: su alcuni testi viene anche tradotto come “energia primordiale che esisteva prima di ogni cosa”.
氣 Ki, il secondo kanji, viene identificato come “energia vitale che sostiene ogni forma di Vita”.
Il termine Reiki fa dunque riferimento al collegamento tra la coscienza individuale (e l’energia vitale) di ciascuno di noi con l’energia originaria grazie alla quale tutto esiste.
Con la cerimonia del reiju (“armonizzazione”) un insegnante Reiki ti consente di rinnovare e rafforzare la tua connessione con l’energia vitale: questa, con la tua pratica quotidiana, saprà poi ristorarti sia a livello fisico che a livello mentale-emotivo, lasciandoti vitale nel corpo e sereno nella mente.
Il Reiki non è però esclusivamente una tecnica energetica mirata a riportare equilibrio e benessere a livello fisico e mentale: è anche e soprattutto un percorso di crescita spirituale, in cui come operatore Reiki potrai acquisire sane abitudini quotidiane che ti portino a vivere in Pace la Vita di tutti i giorni.

 

PERCHÈ “KOMYO” ® REIKI?

Mi sono avvicinato ai percorsi con le tecniche energetiche nel 1999: la scuola che incontrai all’epoca fu quella del P.E.M, Paris Energy Method.
Anni dopo conobbi il Reiki nella sua versione “occidentale”: continuando a praticare mi accorsi presto di quanto diversi insegnanti (pur sempre in buon fede) aggiungessero ai loro corsi di Reiki elementi ed informazioni diverse, talvolta anche in contraddizione tra loro.
Continuando ad indirizzare la mia ricerca verso una pratica Reiki che fosse il più vicina possibile alle radici giapponesi del Reiki stesso, venni a conoscenza della Komyo ReikiDo ®.
Di questa scuola apprezzai personalmente fin da subito  la “discendenza” il più possibile diretta dal fondatore Mikao Usui (un “lignaggio energetico“, così si indica nel Reiki, che fosse quanto più fedele possibile alle origini di questa pratica) ed anche la semplicità nell’insegnamento, semplice e libero da eccessive contaminazioni.
Reiki è una disciplina semplice e vorrei fartela conoscere in quanto tale, libera dalle complicazioni di cui si è caricata nel suo viaggio in Occidente:  citando le parole del fondatore di questa scuola, “imponi le mani, lascia andare l’ego, sorridi”.

 

[Lignaggio Reiki: Mikao Usui – Hayashi Chujiro – Inamoto Hyakuten – Chiara Grandi – Enrico Chiappetta]